Usiamo i cookie per migliorare la tua esperienza di fruizione

Cliccando su qualsiasi link in questa pagina fornisci il tuo consenso all'uso dei cookie

Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Spanish
Lunedì, 24 Febbraio 2020
Verso una Sorveglianza Marittima integrata: operazioni, normative e tecnologie per far crescere cooperazione ed efficienza

Verso una Sorveglianza Marittima integrata: operazioni, normative e tecnologie per far crescere cooperazione ed efficienza

Lo scorso 10 luglio AFCEA Capitolo di Roma ha organizzato, presso la Casa dell’Aviatore (Roma), il convegno “Verso una sorveglianza marittima integrata: operazioni, normative e tecnologie per far crescere cooperazione ed efficienza”, a due anni di distanza dall’ultimo evento sul tema. In un momento in cui la sorveglianza marittima è al centro dell’attualità internazionale, in particolare in un Paese come l’Italia con migliaia di chilometri di coste, AFCEA ha voluto dar luogo ad un momento di approfondimento, fornendo aggiornamenti sugli aspetti normativi, istituzionali e operativi sia in ambito nazionale sia nel contesto internazionale, nonché sulle tecnologie e le relative applicazioni in ambiti quali la sicurezza, il soccorso in mare, la tutela dell’ambiente e la difesa nazionale.

Il Gen. Antonio Tangorra – Presidente AFCEA Capitolo di Roma, ha dato il benvenuto ai presenti, evidenziando come il Capitolo tenga a rianalizzare tematiche già trattate in passato per seguirne le evoluzioni e analizzare gli elementi oggettivi per comprendere lo scenario estremamente mutevole di questi ultimi anni.

(Saluti istituzionali Gen.I.C.(r) A.Tangorra - AFCEA Capitolo di Roma VIDEO)

Il C.V. Valentino Rinaldi – Stato Maggiore Marina ha aperto la giornata con l’ intervento intitolato “La Sicurezza Marittima: il ruolo della Marina Militare” con cui ha delineato i compiti e il ruolo svolto dalla Marina Militare Italiana per garantire la sicurezza marittima, nell’ambito di un contesto geopolitico in continua evoluzione e caratterizzato da minacce emergenti.

(C.V. Valentino Rinaldi, Stato Maggiore Marina, PRESENTAZIONE - VIDEO)

A seguire, il C.V. Massimo Petricca – Comando in Capo Squadra Navale con il suo speech su “I pilastri della Difesa e Sicurezza degli spazi marittimi e delle linee di comunicazione di interesse nazionale”, ha illustrato i pilastri fondamentali della politica di sicurezza marittima (Maritime Capacity Building; Maritime Security Operations e la Maritime Situational Awareness), dando visibilità all’impegno del nostro Paese in questi ambiti attraverso molteplici attività ed operazioni di respiro internazionale.

(C.V. Massimo Petricca, Comando in Capo Squadra Navale, PRESENTAZIONE - VIDEO)

Il Col. Salvatore Ferrara – Stato Maggiore Aeronautica Militare, ha poi presentato “L’impiego della capacità ISR dell’AM nelle attività di sorveglianza marittima” sulle capacità operative messe in atto dall’Aeronautica Militare nella Maritime Surveillance, evidenziando come tali attività permettano di delineare una conoscenza approfondita e matura del contesto operativo, con notevoli impatti positivi sul processo decisionale.

(Col. Salvatore Ferrara Stato Maggiore A.M., PRESENTAZIONE - VIDEO)

Con l’intervento “La Guarda Costiera ed il monitoraggio del traffico marittimo in ambito Unione Europea” il C.V. (CP) Giuseppe Aulicino – Guardia Costiera ha presentato le misure messe in atto dalla UE per garantire la sicurezza del traffico marittimo. In particolare ha illustrato il VTMIS, con il quale gli Stati Membri acquisiscono informazioni sul traffico marittimo e le condividono tramite il network SafeSeaNet, considerato uno degli elementi essenziali per l’implementazione della EU Maritime Security Strategy.

(C.V.(CP) Giuseppe Aulicino, Guardia Costiera, PRESENTAZIONE - VIDEO)

Il Cap. Francesco Della Corte – Guardia di Finanza ha poi illustrato “Il contributo del Servizio Aeronavale della Guardia di Finanza all’operatività dell’Agenzia Europea della guardia di frontiera e costiera, con sede a Varsavia e nota come FRONTEX”, evidenziando come attraverso il proprio dispositivo aeronavale, la Guardia di Finanza risulti determinante per le operazioni condotte in ambito FRONTEX, tra cui il contrasto ai traffici illeciti (stupefacenti, rifiuti tossici, armi) e all’immigrazione illegale.

(Cap. Francesco Della Corte, Guardia di Finanza, PRESENTAZIONE)

Nell’intervento “Leonardo: i nuovi approcci per la Sorveglianza Marittima” la Dott.ssa Cristina Massarenti – Leonardo ha presentato l’esperienza consolidata dell’azienda nello sviluppo di piattaforme aeree impiegate nelle attività di sorveglianza, come l’AW169 della Guardia di Finanza, ponendo poi l’accento sui nuovi sistemi per la sorveglianza marittima, con particolare enfasi sui sistemi UAV.

(Dott.ssa Cristina Massarenti, Leonardo SpA, PRESENTAZIONE)

In un intervento congiunto intitolato “Radar multifunzione in corso di sviluppo sulla legge navale ed impiego per sorveglianza marittima e difesa degli spazi aereonavali”, il C.F. Rocco Soleti ed il C.C. Fabio Calamari – NAVARM hanno fornito una breve introduzione ai radar multifunzione in corso di sviluppo nell’ambito della Legge Navale, in particolare sugli aspetti tecnologici, sul potenziale di crescita futura e sul ruolo primario che questi sensori svolgono all’interno del dispositivo navale.

(C.F. Rocco Soleti - C.C. Fabio Calamari, Navarm, PRESENTAZIONE - VIDEO)

Successivamente il Prof. Marco Martorella – CNIT nella sua presentazione “New radar technology for maritime ISR” ha descritto alcune tecnologie impiegate nelle attività di Intelligence, Surveillance & Reconnaissance: in particolare un sistema radar interferometrico, un radar passivo per la sorveglianza marittima costiera e una toolbox per il post-processing e lo sfruttamento delle immagini SAR.

(Prof. Marco Martorella, CNIT, PRESENTAZIONE - VIDEO)

L’Ing. Matteo Lusignoli – Leonardo ha poi presentato “OCEAN2020: A Technological Demonstrator for Enhanced Situation Awareness in Naval Environment with the Use of Unmanned Systems”, progetto europeo con 42 partner provenienti da 15 Paesi, il cui obiettivo è la realizzazione di un dimostratore per un sistema di information sharing cooperativo tra le marine europee, integrando i sistemi esistenti con sistemi unmanned aerei, di superficie e subacquei.

(Ing. Matteo Lusignoli, Leonardo SpA, PRESENTAZIONE - VIDEO)

La sessione pomeridiana è stata aperta dalla Dott.ssa Patrizia Sacco – ASI con un intervento su “Il contributo delle tecnologie spaziali per la Sorveglianza Marittima: il progetto EUCISE 2020”, per la realizzazione di un prototipo per la rete di scambio di informazioni internazionali ed intersettoriali in grado di connettere 12 nodi nazionali ed europei; ASI ha collaborato alimentando i nodi con i dati satellitari di sorveglianza marittima e le informazioni oceanografiche dei mari europei.

(Dott.ssa Patrizia Sacco, ASI, PRESENTAZIONE - VIDEO)

Con il suo intervento su “Spazi marini e sorveglianza marittima: quadro normativo e sua evoluzione” la Prof.ssa Elda Turco Bulgherini – Università Tor Vergata di Roma ha fornito un’ampia panoramica sul contesto normativo e giuridico inerente il diritto del mare, al fine di permettere una più consapevole contestualizzazione degli aspetti fondanti della sorveglianza marittima, quale ad esempio la definizione dei concetti giuridici di mare territoriale, zona contigua e mare libero.

(Prof.ssa Elda Turco Bulgherini, Università Tor Vergata Roma, PRESENTAZIONE - VIDEO)

In seguito, l’Ing. Filippo Daffinà – e-GEOS ha parlato di “Space-based Maritime Situational Awareness”, evidenziando come la disponibilità odierna di nuovi assetti satellitari consenta di abilitare nuove modalità operative a supporto della Maritime Situational Awareness su scala globale. In quest’ottica si inserisce SEonSE, soluzione e-GEOS dedicata alle attività di elaborazione e fusione delle informazioni a supporto delle attività di monitoraggio e caratterizzazione del traffico marittimo, rilevando anche comportamenti anomali e possibili minacce.

(Ing. Filippo Daffinà, e-Geos, PRESENTAZIONE - VIDEO)

L’Ing. Angelo De Santis – Vitrociset ha offerto un approfondimento sul tema de “Il porto come elemento nodale della Maritime Security” evidenziando come, nell’ottica di una Sorveglianza Marittima integrata, il porto inteso come infrastruttura critica, con tutto ciò che ne comporta, risulti un elemento cruciale, che necessità di nuove capacità di analisi, governance e protezione.

(Ing. Angelo De Santis, Vitrociset SpA, PRESENTAZIONE - VIDEO)

La giornata è stata chiusa dall’Ing. Matteo Turi – Thales Alenia Space con la presentazione “Sorveglianza Marittima: il contributo di un Sistema Spaziale”, attraverso la quale ha illustrato alcuni studi preliminari condotti da Thales Alenia Space su soluzioni per nuove missioni di sorveglianza marittima. A preludio e supporto di tali attività, è stata svolta un’analisi dei requisiti di sistema, eseguendo una revisione delle principali tecnologie in grado di colmare le lacune esistenti nel servizio di sorveglianza marittima.

(Ing. Matteo Turi, Thales Alenia Space, PRESENTAZIONE - VIDEO)

Alla fine degli interventi il Presidente Tangorra ha ringraziato tutti i relatori e i partecipanti per l’interesse mostrato verso questa tematica sempre attuale, rivolgendo poi a tutti l’augurio di buone vacanze con un arrivederci a settembre per un nuovo convegno.

(Saluti finali, Gen.I.C.(r) A.Tangorra - AFCEA Capitolo di Roma, VIDEO)

Link all'evento

 

Letto 1347 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)